factory

 la radio e la tv della cultura

SCRITTORE FAI DA TE? 

scrittore-disperato

Chiariamoci: decidere di autoprodursi e di fare a meno di un editore è una scelta legittima. Ma bisogna essere coscienti dei problemi che possono derivarne. Di seguito una piccola galleria dei problemi e, alla fine, una semplice soluzione per evitare di cadere in depressione ... 

1) IL REFUSO, QUESTO (S)CONOSCIUTO 

Aprire un libro e trovare un refuso è una cosa comune. Esiste un'analogia profonda tra una guerra e la scrittura di un libro. Così come non si può pensare di andare in battaglia senza ritornare con morti e feriti è impossibile avere un libro privo di errori. Il bravo generale (o correttore di bozze) è colui che limita le perdite al minimo. Non ci si improvvisa nè generali nè correttori di bozze: l'amica docente di italiano, con tutta la buona volontà, non è un tecnico dell'editoria e si perderà nella selva di virgolette inglesi, maiuscole, minuscole, giustezze, grazie, caratteri, orfani, vedove e norme editoriali. Se vuoi un libro tendente alla perfezione, affidati solo di un tecnico dell'editoria.  

refuso

2) CHI HA PAURA DELL'EDITING? 

Capita di perdersi nei personaggi. E di perderli di vista, letteralmente. Entrano ed escono dall'azione senza una spiegazione coerente. Esistono al presente, poi li ritrovi nel passato e nel futuro, ma senza macchina del tempo. Le storie hanno dei salti logici che lasciano esterrefatti, ma non per bravura di chi scrive, ma per la velocità con cui si getta il libro nella spazzatura. Insomma avere a che fare con i personaggi, a volte, è come entrare in un manicomio. Ma dovete sapere che anche nei manicomi ci sono medici ed infermieri che, con pazienza, si prendono cura dei pazienti. Sono gli editor. Loro compito è quello di far si che la pazzia non sia sciatta incoerenza, ma diventi letteratura. Se non volete che il vostro libro vada nella raccolta differenziata, affidatevi ad un editor professionista. 

manicomio

3) GIUDICARE I LIBRI

DALLA COPERTINA...  

Il talento è talento e sul genio non si discute. Ma perchè tra le decine di migliaia di titoli disponibili il lettore dovrebbe scegliere proprio il vostro? Beh, la copertina è importante. Attira o respinge prima che si arrivi a leggere il titolo e a comprendere la storia. 

L'amico architetto sul quale puntate sarà bravissimo di certo. Ma una copertina efficace non è bella, ma comunicativa. Deve parlare al lettore. E per costruire una copertina efficace non ci vuole un architetto, non un grafico che fa i volantini per le agenzie immobiliari o le pompe funebri, ma una persona pratica di comunicazione e di libri. Sono due cose diverse. 

grafico

QUANTO COSTA AFFIDARSI A

"PERSONE DEL MESTIERE"?  

Meno di quanto tu creda. E sicuramente poco rispetto al danno economico

e di immagine che può farti un libro pieno di errori, con una copertina sbagliata

e con personaggi "in libertà". 


Noi possiamo risolvere i tuoi problemi, lasciandoti libero di auto pubblicare in assoluta autonomia.

Ti offriamo i servizi di correzione di bozze, editing, impaginazione e grafica, con un prodotto "ready to print". 


Compila il form che troverai di seguito, inviandoci il tuo manoscritto per una valutazione gratuita. Presa visione del tuo lavoro, ti invieremo un preventivo personalizzato. 

Create a website